Dopo una lunga pausa riparte il blog che vi aggiorna sulle bellezze della Perla del Danubio - a cura di Ajace68 e Rosita



mercoledì 18 luglio 2012

I pub nelle rovine



I pub nelle rovine (“ruin pubs” in inglese e “romkocsmák” in ungherese) sono locali abbastanza caratteristici di Budapest, situati in palazzi e spazi semiabbandonati.

Inizialmente nascono dall'occupazione più o meno illegale di tali spazi da parte di gruppi di ragazzi che ne facevano i “loro” spazi, arredandoli con tutto ciò che poteva capitare nelle loro mani. Così tavoli, sedie, divani e arredi erano costituiti dal riciclaggio di oggetti che erano destinati alle discariche. Questi spazi erano poi adibiti alla vendita di bevande e piccola gastronomia, creando così l'ossatura di un vero e proprio pub.

Questi locali – tra l'altro tollerati dalle autorità – avevano però la caratteristica di avere una vita piuttosto effimera e da un anno all'altro potevano sparire (magari per ricomparire da un altra parte della città) o venivano creati appositamente per un'unica stagione estiva.
Con il tempo, però, l'affluenza di avventori aumentò così tanto, da diventare un vero fenomeno di massa, da diventare una vera caratteristica e un simbolo budapestino.
Così, spazi abbandonati, palazzi destinati all'abbattimento e giardini degradati venivano affidati volontariamente a gruppi di giovani che li riqualificavano, creando dei locali molto più “duraturi” e stabili, tanto da essere inseriti anche nelle guide turistiche.
Alcuni di questi pub sono più eleganti, altri sono rimasti più vicini alle idee originali, ma tutti hanno in comune una certa “stravaganza ricercata” negli arredi e la voglia di portare alla luce una certa cultura ( a volte suburbana o “da strada”) che porta in questo musica live di gruppi sconosciuti o mostre d'arte.

Allo stato attuale si conoscono circa 20 pub nelle rovine ed  informazioni su di essi possono essere cercati in questo portale:
I “ruin pubs” più famosi sono probabilmente l' Instant e il Szimpla Kert.

L'Instant si trova nel VI distretto, in Nagymező utca 38, nel cuore della Broadway di Budapest.
E' probabilmente il pub con gli arredi più ricercati e studiati con attenzione. Entrandoci sembra di essere proiettati all'interno di una foresta incantata, con alberi da cartone animato che spuntano dal suolo ed animali di cartapesta sospesi in aria.
23 sale, 6 bar, 2 giardini e 3 sale da ballo, ne fanno un posto davvero inimitabile.


Il Szimpla Kert, invece, si trova nel VII distretto, in via Kazinczy utca 14.
Al contrario del precedente, è probabilmente quello che è rimasto più fedele all'idea originale.
Pezzi di biciclette appese ai muri, tavolini e sedie di qualunque foggia (per quanto mi sia sforzato, non sono riuscito a vedere più di due sedie uguali), monitor anni 80 alle pareti, un cavallo ginnico buttato in un angolo e addirittura dei tavolini realizzate con vasche da bagno o con carcasse di automobili. Non occorre aggiungere che il kitsch è veramente di casa, ma con un effetto totale veramente molto piacevole tanto che Lonely Planet lo colloca al terzo posto nella lista dei bar più belli del mondo. A questo riguardo, va fatto notare che la prima piazza è occupata dall'A38, altro locale budapestino.

Nessun commento:

Posta un commento